Macchina per la pasta: la soluzione veloce e pratica per la pasta fresca come dal pastaio

Come usare una vecchia nonna papera lo sanno tutti: chi non ha mai visto, infatti, nonne e zie cimentarsi alla manovella per preparare succulenti pranzi domenicali? Un po’ meno semplice, soprattutto se non si è grandi esperti della materia, è capire come utilizzare una macchina per la pasta a estrusione: sono macchine con più funzionalità, più moderne e che, nonostante si trovino ormai con grande facilità sul mercato, prodotte anche da aziende commerciali, erano in origine rivolte a un pubblico di professionisti, non chef  ma certo appassionati di cucina che si cimentassero spesso nella pasta fatta a mano. A differenza delle più tradizionali macchine meccaniche, infatti, un oggetto di questo tipo potrebbe non essere di immediata comprensione e anche chi lo utilizzi già da molto tempo potrebbe non conoscerne le caratteristiche più specifiche, le funzionalità più avanzate o persino la disponibilità di accessori ad hoc.

Come funziona la macchina per la pasta, se è a estrusione

Per i più profani, allora, prima di capire come usare al meglio una macchina per la pasta a estrusione, vale la pena chiarire di cosa si tratta. È essenzialmente un elettrodomestico composto da due parti: un’impastatrice  e una più tradizionale macchina per la pasta. Basta questo a comprendere, allora, quale sia una delle caratteristiche principali di questa tipologia di oggetto: poter impastare direttamente la pasta fresca, prima di darle il taglio specifico – cosa che, invece, le macchine manuali e quelle più tradizionali non fanno. Il vantaggio in più è che macchine come queste hanno in genere diversi bocchettoni finali: hanno un ruolo non indifferente, lavorano la pasta come se la trafilassero e il risultato è una grande varietà di formati facilmente realizzabili con la stessa macchina, al semplice costo del cambiare la parte finale – andrebbe tra l’altro considerato in questo senso che, nella maggior parte dei casi, i diversi filtri vengono forniti al momento dell’acquisto della macchina per la pasta. L’unica cosa che si deve fare manualmente quando si vuole preparare la pasta fresca in questo modo è, insomma, preparare tutti gli ingredienti di cui si ha bisogno: può essere utile considerare in questo senso che le macchine migliori lavorano qualsiasi tipo d’impasto, che sia all’uovo o no. Una volta impostato, comunque, il tempo di lavorazione o la durezza e la grana dell’impasto che si cerca di ottenere farà tutto da sola: anzi, alcune macchine per la pasta e estrusione, le più moderne, hanno piccoli display digitali che permettono di controllare l’intero processo. Il passo successivo è selezionare il formato che si desidera, nella maggior parte dei casi basta in questo senso inserire il filtro giusto. La propria pasta fresca sarà pronta così in pochissimo tempo e senza alcuna fatica. Vale la pena sottolineare, però, che una macchina per la pasta di questo tipo non è solo pratica e veloce, ma è soprattutto versatile: selezionando il programma giusto, infatti, la si può utilizzare solo per la seconda fase, quando si tratta di dar forma alla pasta, e lasciare invece che tutto il resto sia fatto a mano.